Come imballare gli oggetti prima di un trasloco

Evitare i problemi fisici a causa del trasloco
11 Febbraio 2020
Perchè affidarsi a professionisti per il trasloco
13 Febbraio 2020

Come imballare gli oggetti prima di un trasloco

Che tu voglia traslocare da solo oppure ti rivolga a una ditta di professionisti per i traslochi, una cosa è certa: i pacchi li devi fare tu.

Per prima cosa acquista tutto il materiale per l’imballaggio:

  • Scatoloni (dimensioni medio/piccole)
  • Scotch e tendinastro
  • Carta imballaggi e Pluriball
  • Nastro di carta
  • Pennarelli di diversi colori quante sono le stanze
  • Carrello portapacchi

Altro materiale che potrebbe servirti ma che dovresti già possedere:

  • Forbici
  • Carta di giornale
  • Valigie
  • Set cassetta attrezzi

Qualche nota prima di cominciare a imballare:

Prima di passare alla fase dell’acquisto, fai una breve selezione mentale di quanti cartoni potrebbero servirti. Considera di utilizzare anche le valigie e gli zaini che possiedi già a casa (chiedine in prestito ad amici e familiari per facilitare il trasloco). Gli scatoloni puoi prenderli al supermercato o presso qualche negozio, ma ti consiglio di acquistarli dalle imprese per traslochi.

Organizzazione

È preferibile organizzare il lavoro per stanze e usare un colore identificativo per ogni zona (per questo ti ho detto di comprare pennarelli di colori diversi): verde per la camera, blu per la cucina, nero per il salotto. In questo modo quando arriverai nella nuova casa, non ti servirà neanche leggere cosa contengono i pacchi, ma ti basterà vedere il colore per sapere in che stanza posarli. Ovviamente scrivi anche cosa contengono, quello ti servirà nella fase successiva per svuotarli.

Ragiona per categorie: servizi da cucina con servizi da cucina. Elettrodomestici con elettrodomestici. Prese, cavi, elettronica nella scatola per l’elettronica.

Oggetti fragili: Se hai conservato le scatole e i contenitori dei tuoi servizi da cucina, usa quelli. Non c’è cosa migliore che utilizzare la scatola adatta per ogni oggetto, specialmente se si tratta del set di bicchieri. Se invece non hai conservato nulla, agisci così: per quanto riguarda i bicchieri, i piatti e tutti gli oggetti più fragili della cucina, imbottisci le scatole usando anche dei canovacci (cerca di usare sempre oggetti che porterai con te, così da trovargli già un posto e risparmiare spazio), poi avvolgi ogni pezzo in un foglio di giornale o nella carta pluriball e adagiali delicatamente uno accanto all’altro. Ricopri ogni strato con la scoppiettante pluriball. Scrivi in grande fragile su tutti i lati del cartone, sia per ricordarlo a te, sia per prevenire i dipendenti della ditta che ti aiuta per il trasloco.

Imballa in questo modo ogni oggetto delicato, che si tratti di servizi da cucina o vasi di porcellana. Potresti anche usare un maglione per imbottire la scatola, questo ti farà guadagnare un po’ di spazio nella valigia.

Come tutti, avrai sicuramente una serie di oggettini inutili, cancelleria sulla scrivania, soprammobili, chincaglierie. Ti do un consiglio per imballarle al meglio, prendi delle piccole scatole e scrivici: oggetti vari scrivania, o oggetti vari salotto. In questo modo non dovrai diventare matto a sistemare ogni articolo una volta giunto nella nuova casa.

Mobili: i mobili sono l’ultima cosa di cui ti occuperai. Dopo averli svuotati, ricordati di togliere anche tutti i ripiani, i cassetti e, se puoi, anche le ante. In questo modo alleggerirai di molto il peso e ne favorirai il trasporto. Prepara dei sacchettini dove mettere viti e bulloni, e incolla un’etichetta col nome del mobile cui fanno riferimento.

Se non sei un appassionato di bricolage, prendi una foto del mobile e dei punti di serratura prima di smontarlo, potrà servirti in seguito.

Potrai evitare di smontare i mobili affidandoti a un’agenzia di traslochi, ma anche in questo caso ti consiglio di svuotarli in anticipo da cassetti e ripiani; questo ti permetterà di avere un ordine migliore e di velocizzare l’operazione.

Oggetti di valore: per quanto riguarda gli oggetti di valore, come gioielli ma anche quadri e opere costose, ti consiglio di portarli tu stesso nella nuova casa. Per gli oggetti più piccoli, prepara una valigia con le cose quotidiane che userai nell’ultima settimana di trasloco, così potrai trasportarle con calma, senza aver paura vadano perduti.

Cibo: nell’ultima settimana non fare la spesa e cerca di finire tutto quello che hai nel frigo. Per olio, aceto, miele, ecc., assicurati che le bottiglie siano tutte chiuse bene, lavale (rimane sempre qualche goccia d’olio o di miele sulla bottiglia) e per precauzione mettile in piccoli sacchettini. Questo eviterà di far spargere l’olio ovunque nel caso si rompa.

Fai questa cosa dei sacchettini per ogni prodotto liquido o boccetta di vetro, come profumi, bagnoschiuma, ecc., che rischia di aprirsi o rompersi e rovinare così tutti gli altri articoli.

Conclusione

La ditta di traslochi può offrirti tutto ciò di cui hai bisogno per imballare: cartoni adatti, scotch, pluriball ecc. Non dovrai diventare matto a cercare le giuste misure al supermercato, ma ti basterà prenotare il trasloco con un’agenzia e potrai tornare a casa con tutto il necessario per cominciare a imballare i tuoi oggetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.